Disturbo Specifico dell'Apprendimento

Il Disturbo Specifico dell’Apprendimento consiste in una difficoltà ad apprendere e ad automatizzare le abilità di lettura, scrittura e calcolo e si manifesta in assenza di difficoltà cognitive, sensoriali, neurologiche e ambientali. Questi soggetti presentano quindi un’intelligenza nella norma. Questa disabilità espone le persone che ne sono affette a ripetuti insuccessi scolastici minando l’autostima e il senso di autoefficacia. Numerosi studi sostengono che questo disturbo presenti una base biologica. La diagnosi di DSA può essere effettuata dallo psicologo, dal terapista della neuro psicomotricità, dal logopedista e dal neuropsichiatra infantile sulla base di test standardizzati. Si parla di Disturbo Specifico di Apprendimento esclusivamente quando dai risultati dell’indagine emerge un buon funzionamento intellettivo generale a fronte di uno sviluppo delle abilità di lettura, scrittura e calcolo notevolmente inferiore (-2Ds) a quello atteso per l’età. Secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità fanno parte del Disturbo Specifico di Apprendimento:

torna al menù terapie